Il mondo dell’Aromaterapia

Il mondo dell’Aromaterapia

L’aromaterapia appartiene al grande gruppo delle medicine alternative e sfrutta gli oli essenziali (definiti anche #essenze) per riportare benessere all’intero organismo, sia a livello fisico che a livello emotivo e mentale.

Il termine ha origine dalla lingua greca: deriva infatti da aroma (pianta aromatica, spezia che profuma) e therapaia (trattamento curativo o palliativo per alleviare dolori).

Le testimonianze dell’impiego delle essenze vegetali tra le civiltà più note (in India, Cina, Egitto, tra le popolazioni degli Assiro-Babilonesi e quelle ebraiche), risalgono a prima del 2000 a.C., che estraevano queste preziose sostanze per scopi religiosi, curativi e cosmetici.

Le essenze e i profumi li ritroviamo più avanti presso gli Arabi, i Greci ed i Romani.

blank

La ricerca e lo studio di queste sostanze sono proseguite fino al XX secolo, quando, grazie a René Maurice Gattefossé, ha avuto origine il termine AROMATERAPIA.

Oggi le conoscenze di neurofisiologia e di psiconeuroendocrinoimmunologia spiegano come le essenze possano agire a livello del sistema nervoso, influendo sulle funzioni psichiche, il tono dell’umore e le emozioni.

Come utilizzare l’Aromaterapia

È molto importante precisare che l’aromaterapia è una forma di medicina naturale che non può curare alcun tipo di patologia, ma che può affiancarsi alla medicina tradizionale come una sorta di trattamento di supporto, utile nell’alleviare disturbi di lieve entità di natura non patologica.

L’aromaterapia ha un interessante impiego nella cura dell’ambiente ed è una valida alleata di bellezza.

Gli oli essenziali, infatti, possono essere impiegati per diversi scopi: benessere, bellezza, ambiente, cucina e riequilibrio dei livelli energetici.

Agiscono su tre livelli ben distinti, ma collegati tra loro: anima (vibrazioni), mente (olfatto) e corpo (chemiotipi).

Per beneficiare delle proprietà degli oli essenziali è necessario conoscere le tecniche di utilizzo che si possono suddividere in questo modo:

  • DIFFUSIONE AMBIENTALE O INALAZIONE
  • USO TOPICO
  • USO ALIMENTARE O INTERNO

L’uso degli oli essenziali ci mette in comunicazione con la nostra parte più profonda andando a correggere, migliorare e potenziare alcuni aspetti legati alla nostra psiche, alle nostre emozioni e produrre effetti benefici sul corpo.

blank
blank

Secondo le più antiche tradizioni, in ogni pianta è contenuta un’anima curativa in grado di supportare anche il nostro l’organismo.

Gli oli essenziali servono infatti alla pianta per svolgere 4 principali funzioni:

  • difesa da animali, agenti ambientali esterni, insetti o altre piante
  • protezione: attività antibiotica contro micosi e infezioni
  • riparazione dei tessuti
  • attrazione attraverso gli insetti impollinatori per la riproduzione della specie

Come gli oli essenziali funzionano in natura per proteggere la pianta e farla crescere sana e forte, allo stesso modo svolgono questo lavoro in altri organismi come il nostro, riportandolo all’omeostasi (stato di equilibrio).

Per tutti questi aspetti è possibile definire l’aromaterapia una disciplina olistica.

Carta d’identità di un olio essenziale

Un olio essenziale adatto per essere utilizzato in modo del tutto sicuro in campo aromaterapico deve possedere una serie di caratteristiche ben precise per sapere esattamente che cosa stiamo usando.

Ma quali sono queste caratteristiche?

  • esatta denominazione botanica della pianta: ad esempio per il tea tree è melaleuca alternifoglia
  • metodo di estrazione: distillazione in corrente di vapore, pressione a freddo
  • parte della pianta utilizzata:foglie, fiori, corteccia, rametti, radice
  • origine: luogo geografico
  • chemiotipo
  • bio o crescita spontanea
blank

Sapete come si estraggono gli oli essenziali?

Gli oli essenziali sono miscele molto complesse di sostanze volatili aromatiche che vengono prodotte naturalmente dalle piante in piccole quantità.

I principali metodi per estrarre gli oli essenziali sono due:

  • distillazione in corrente di vapore
  • pressione o spremitura a freddo (utilizzata ad esempio per gli agrumi)

Provate a immaginare la quantità di materia prima che occorre per ottenere una goccia di olio essenziale, ora pensate a quante gocce occorrono per riempire una boccetta e date a questa boccetta un valore.

La contraffazione e la riproduzione in sintesi usata per abbattere i costi, ci propone una serie di prodotti spesso a basso costo e inutili se non addirittura dannosi, per cui diffidate sempre di un olio essenziale a basso costo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MASSAGGIO OLISTICO LAGO SALUTE BENESSERE ©2022